logo essenzeInsieme per toccare l'essenza.

Per gustare l'aroma che si sprigiona delle passioni condivise. Per imparare, lavorare e realizzare qualcosa in compagnia degli altri. Per sperimentare come sia possibile gustare e coltivare la bellezza nelle piccole cose.

Il progetto "Essenze" nasce per offrire a giovani e adulti con diversa abilità mentale, che abbiano finito gli studi, un'esperienza di incontro, in cui, in un'alternanza di momenti di laboratorio, confronto, sperimentazione sensoriale, attività psico-motorie, possano coltivare il desiderio di stare con altri, acquisire una maggiore consapevolezza di sé e del proprio corpo, provarsi in attività manuali e accrescere i propri spazi di autonomia.

Spazio aperto al tirocinio formativo per studenti universitari

 

Cosa facciamo

  1. Coltivazione in vaso di piante aromatiche.
    Esperienza plurisensoriale di conoscenza, coltivazione e commercializzazione delle piante.
    Creazione di book informativo-espressivo dell'esperienza.
  2. Corso di fotografia.
    Lo sviluppo dell'attenzione sulla realtà.
    La grammatica dell'immagine.
    L'uso dello smartphone o di una macchina fotografica compatta per produrre messaggi.
    Fotoritocco.
    Creazione di videomessaggi.
  3. L'arte della tavola e l'arte della cucina.
    La cura della tavola.
    A scuola dallo chef.
  4. Psicomotricità e sé corporeo.
    Lo sviluppo della consapevolezza del proprio corpo.
    Il movimento.

Flash da Essenze
di Elisabetta Pati, giovane di Essenze

Una nuova mattinata di lavoro sta cominciando alla Casetta Lazzaro. Seguendo le indicazioni di Grazia, ciascuno dei giovani di Essenze si mette all’opera nella lavorazione della carta macerata.
Qualcuno prepara strisce di carta di giornale che poi riduce in piccoli pezzetti; qualcun altro lavora al frullatore; qualcun altro ancora dà forma, con l’impasto, alle diverse creazioni.
Ma cosa stanno realizzando?
Lo chiediamo a Chiara: «le “Salentine”, dei busti che rappresentano “lu sule, lu mare e lu ientu”, tre simboli del nostro Salento; poi delle ciotole di varia misura e, ancora, due personaggi di una storia un po' particolari: “Poldo e Lia”».
Ci raccontano che la loro prima produzione, con questa tecnica, sono state delle ciotole blu, che sono diventate la bomboniera di un matrimonio.
È difficile questa lavorazione? Cosa ti piace fare?
«All’inizio è stato un po' difficile» ci ha detto Carlotta, «Adesso mi piace frullare la carta».
«Io mi sono esercitato molto a sbriciolare la carta e ad impastarla» ci ha spiegato Giacomo.
«A me piace preparare le “polpette” di carta macerata!» ci ha confidato Mattia.
… Ma adesso basta parole, c’è tanto da fare: ci rimettiamo tutti al lavoro!!

Chi siamo

L'équipe che cura il progetto è formata da volontari e professionisti che garantiscono la continuità del progetto e la varietà della proposta.

Percorsi Formativi

Informazioni utili

Dal lunedì al giovedì 8.30 - 13.00 Presso la Casetta Lazzaro, in un contesto che offre spazi all'aperto, un parco, e spazi chiusi climatizzati e attrezzati per la realizzazione dei laboratori (1 - 2 - 3)

Come raggiungerci: in via C. De Giorgi, 85 - Lecce alle ore 8.30 - oppure in via Leone Pancaldo - San Cataldo alle ore 9.00

email: info@fondazionedivergo-onlus.org - cell: +39 338 8127888

Costi: un contributo alle spese di € 180 al mese
Su richiesta, si predispone il servizio navetta

INFORMAZIONI E PREZZI

email: info@fondazionedivergo-onlus.org

cell. +39 338 8127888

DOVE

Lecce - via Leone Pancaldo (trav. Km 7 di Via del Mare, prima del Villaggio Giovanni Paolo II) (coordinate GPS: 40.381849, 18.282048)

SOSTIENI I NOSTRI PROGETTI

VIDEO

Questo sito utilizza cookie atti a migliorare la navigazione degli utenti.
Chiudendo questo banner tramite il pulsante "ACCETTA" e proseguendo la navigazione sul sito se ne autorizza l'uso in conformità alla nostra Cookie Policy