ArtistiIl sogno di Div.Ergo ha messo radici anche a Santeramo in Colle (Ba) dove, dal 7 dicembre 2013, è attiva la Bottega Creativa.

Le parole raccontano quasi sempre una storia. Se poi le parole sono più di una, la storia da narrare è un po’ più lunga e magari anche più bella.

Le Botteghe, luoghi di creazione, di bellezza, di realizzazione di manufatti e opere d’arte. Nelle Botteghe si andava ad imparare un mestiere, un’arte da chi ne possedeva i canoni e i segreti. Quanto veniva prodotto era la lunga sintesi di una collaborazione creativa e di relazioni tra persone diverse per abilità e per esperienza. La Bottega, metafora della vita.

Dunque la Bottega Creativa Div.ergo è il segno che ancora oggi si possa dar vita ad una nuova economia, ad un modo nuovo di intendere e vivere la gratuità e le relazioni tra le persone.

La Bottega Creativa si trova nel cuore del paese, quasi scavata nella pietra, espressione di un modo diverso di abitare la città.

Chi entra può incontrare Francesco, Cristofer, Antonella, Emanuele, Antonella e Rocco, insieme a volontari di età diverse; potrà parlare con loro, fare una sosta tra i loro discorsi, scoprire quanti incontri i nostri artisti fanno attraverso libri, narrazioni, percorsi artistici e visite a mostre ed eventi. Li vedrà ammorbidire il fimo, intrecciare o cucire la pelle, lavorare la carta e il cartone, infilare perline e rifinire il legno, realizzare prodotti originali.

Gli artisti

Anto

Il suo biglietto da visita è il sorriso. Anzi il sorriso è la norma, la risposta a una domanda, uno scherzo, un saluto. Anto in bottega lavora sui dettagli: ripulisce gli occhietti di pelle, mette in fila gli animaletti di fimo, segue il contorno di una sagoma sulla pelle, disegnando delle forme. Tutti gli altri lavori le scatenano reazioni allergiche. L’abbiamo scoperta artista delle ‘città con cielo stellato’, che disegna spontaneamente sui fogli di carta e ritagli di pelle … e se in Bottega vi capita di vedere su qualche oggetto il profilo di una città sotto un cielo stellato, sappiate che per qualche secondo state guardando le cose con gli occhi della sua immaginazione.

Francesco

Francesco, il veterano. Negli anni ha fatto minuscoli passi da gigante nelle abilità manuali e nella mobilità, fisica e morale. Ha lavorato per superare le piccole montagne della sua pigrizia, l’avversione al fimo e il turno delle pulizie, e ha ammorbidito lo spirito polemico pronto a sguainare lamentele e difese di fronte alle novità scomodanti. Ama le parole, quelle belle, curiose, sconosciute, i suoni dialettali, le voci strane, straniere. Gli atteggiamenti talvolta bruschi nascondono un animo dolce, una passione tenace per gli altri, gli amici e in genere tutte le persone che gli capita di conoscere, di cui conserva per sempre la memoria.

Emanuele

Emanuele è dotato di una introversione fragile, una tendina dietro cui segue tutto e tutti, che cade al minimo accenno ad uno dei suoi temi preferiti: meteo (con preferenza per i fenomeni estremi), scuola, notizie di attualità, i nomi dei clienti che ordinano prodotti in Bottega… Allora gli occhi guizzano interessati e la parola si scioglie in una serie incalzante di domande e riflessioni. È il nostro esperto della lavorazione del legno, maestro indiscusso del seghetto elettrico, abile in tante lavorazioni, ma allergico al fimo, cui tenta sempre di sfuggire.

Antonella

Antonella, anche se riesce bene in lavori da ‘uomo duro’, come ammorbidire i panetti più tenaci di fimo e forare con il martello la pelle, è una maestra di tenerezza. Abbracci e disegni, in genere grandi cuori rossi sono le sue specialità. La sfida più ardua della sua giornata è scendere dal letto in tempo per l’apertura della Bottega. Autonoma in alcune produzioni con il fimo. L’umore le fa su e giù, e sul suo viso si alternano nelle stesse ore euforie e piagnucolii, ma ha una buona capacità di recupero e la risata liberatoria e carica di vita non tarda, in genere, ad arrivare.

Cristofer

Cristofer artista e persona versatile. Interessato e curioso di musica, cultura, politica come dei discorsi e delle telefonate del vicino, e della vita degli altri. È socievole, comunicativo, accogliente. Nel lavoro è responsabile, preciso, maniacale e autonomo in alcune produzioni con il fimo e con la pelle, di cui, con una parola che sicuramente gradisce sentirsi ripetere, possiamo definirlo esperto. E poi, è intollerante di qualunque distrazione… altrui, inflessibile con gli altri, poco con se stesso.

Questo sito utilizza cookie atti a migliorare la navigazione degli utenti.
Chiudendo questo banner tramite il pulsante "ACCETTA" e proseguendo la navigazione sul sito se ne autorizza l'uso in conformità alla nostra Cookie Policy